Ecco il DOC per Apple Watch che tutti gli appassionati Apple vorrebbero

Oggi vi scrivo per parlarvi di un prodotto che gli appassionati Apple non possono assolutamente farsi scappare, il suo nome è W3 stand ed è prodotto da Elago che lo offre al pubblico a soli 24 euro.

Ma perché questo dock è così particolare? Semplice, ha la forma del primissimo Mac: il leggendario Macintosh 128K presentato da Steve Jobs nel gennaio 1984. Il caricabatteria ad induzione dell’orologio di Cupertino va collocato nell’apposito alloggiamento all’interno, mentre l’orologio va posizionato in orizzontale, quindi è possibile sfruttare la funzionalità  “notturna” che trasforma l’Apple Watch in una sveglia da comodino. Ovviamente il dock è compatibile con tutte le versioni dello smartwatch e dato il prezzo molto contenuto può essere un regalo sfizioso per un amico Apple-dipendente.

Ora come sempre vi ricordo di lasciare un like se l’articolo vi è piaciuto, di commentare per farmi sapere che ne pensate e di condividerlo se volete aiutarmi a crescere, ma soprattutto vi ricordo di seguirmi su Facebook e Twitter per tenervi aggiornati su tutte le novità e gli articoli scritti per voi da Mister Tech!

Annunci

Zotac porterà al CES 2017 una GTX 1080 Mini

In questi giorni stanno girando molti rumors sui prodotti che le aziende del settore tecnologico porteranno al CES 2017. Zotac, azienda che si occupa di hardware per PC, ha in serbo una versione compatta della GPU ammiraglia di Nvidia, una GTX 1080… Mini.

La nuova versione della Nvidia GTX 1080, prodotta da Zotac, è pensata per i PC più compatti, come quelli su standard Mini-ITX, che spesso devono rinunciare a una scheda potente, per mancanza di spazio. Secondo l’azienda, la sua GTX 1080 Mini è la versione più compatta presente sul mercato. La GTX 1080 Mini presenta 2560 CUDA Cores, con un clock base di 1620 MHz e un turbo fino a 1759 MHz, e 8 GB di RAM GDDR5X (10 GHz). Al momento non si conoscono molti dettagli sul prezzo, ma dovrebbe posizionarsi nella fascia di prezzo tra i 500 e i 600 euro.

Zotac porterà ovviamente anche altri prodotti molto interessanti al CES 2017 di Las Vegas. Per esempio, saranno presenti nuovi Mini-PC con processori Intel Kaby Lake raffreddati in modo passivo dotati USB Tipo C e Thunderbolt 3.

Zotac dovrebbe anche presentare una nuova Dock esterna per schede video, che consentirebbe di aumentare la potenza grafica di un PC compatto o portatile, tramite collegamento con Thunderbolt 3. Tra le altre caratteristiche di questo dock c’è la connessione con PCIe 3.0, un Hub USB 3.0 Quick Charge e una porta USB Type-C. L’alimentatore del dock sarà di 400 Watt, per poter sopportare anche i consumi delle schede più energivore.

Questi non saranno i soli prodotti Zotac del CES 2017, si aspettano molti altri prodotti interessanti.

Vi ricordo come sempre di lasciare un like se l’articolo vi è piaciuto, di commentare per farmi sapere che ne pensate e di condividerlo se volete aiutarmi a crescere, ma soprattutto vi ricordo di seguirmi su Facebook e Twitter per tenervi aggiornati su tutte le novità e gli articoli scritti per voi da Mister Tech!

Nintendo potrebbe produrre una nuova retro-console

Nintendo ha appena depositato un trademark relativo all’immagine del controller del Super Nintendo. Considerato lo straordinario successo riscosso dal Nintendo Classic Mini, appare probabile l’intenzione da parte dell’azienda giapponese di continuare a battere sul terreno delle retroconsole con il Super Nintendo Classic Mini. Staremo a vedere.

Nasce The Magic Minute Project, l’iniziativa di Google a favore di Android Wear

Che cosa è possibile fare in appena un minuto? Una domanda semplice che un team di Google ha usato per creare una campagna pubblicitaria per favorire la crescita di Android Wear, il progetto si chiama “The Magic Minute Project” ed è stato lanciato con una serie di 30 video da 60 secondi realizzati dal team sopracitato, video tra di loro molto diverso il cui unico legame è (oltre alla durata) anche la presenza di uno smartwatch Android Wear tra i quali ricordo Asus ZenWatch 3, Michael Kors Access, Moto 360 2nd Gen, Moto 360 Sport, Huawei Watch, Nixon Mission, Polar M600, Fossil Q Wander, Fossil Q Marshal, Casio Smart Outdoor Watch e LG Watch Urbane.

Ovviamente questi 30 video sono solo l’inizio dato che sul sito ufficiale del progetto Google ci invita a pubblicare il nostro minuto magico, un’iniziativa carina che evidenzia i molti sforzi che Google ha intrapreso per migliorare il suo OS per smartwatch che è indubbiamente oppresso dalla forte competizione di WatchOS e Tizen.

Vi lascio il link per visitare il sito ufficiale del progetto ma prima vi ricordo di lasciare un like se l’articolo vi è piaciuto, di commentare per farmi sapere che ne pensate e di condividerlo se volete tenere informati i vostri contatti su questo argomento ma soprattutto di seguirmi su Facebook e Twitter per tenervi aggiornati su tutte le novità e gli articoli di questo sito.

The Magic Minute Project

Nintendo Switch la nuova console fissa di Nintendo che manderà in pensione anche i DS

Nintendo Switch è la console che per molto tempo abbiamo chiamato Nintendo NX e che da pochi giorni a questa parte è stata presentata con un video che vi lascio in calce, ma veniamo al dunque, con questa console secondo me Nintendo ha davvero fatto centro creando un dispositivo che a parer mio può finalmente concorrere con Sony e Microsoft perché unisce console da casa e console portatile (quindi addio ai DS) in un unico e accattivante progetto che sebbene in stile Nvidia Shield Tablet è secondo più che innovativo, tra i pregi vediamo il display che sarà HD ma quando collegata ad un televisore tramite la Docking Station che vedete nel video streammerà a 1080 60 fps e a 4K 30 fps, più che per le specifiche che sono comunque di tutto rispetto poiché anche Nvidia a lavorato alla creazione della macchina secondo me la forza di Nintendo Switch sarà il concept, che se supportato con un parco titoli molto ampio (che tra l’altro sarà compreso di retro-compatibilità) che supporti le funzioni della Switch, quest’ultima potrebbe davvero diventare un oggetto fondamentale per ogni gamers, inoltre il ritorno delle cartucce che secondo me hanno molta più personalità dei dischi farà sicuramente piacere ai più appassionati di Nintendo.

C’è però da considerare un fattore importante, la concorrenza, che per un dispositivo del genere non sarà rappresentata solo da Sony e Microsoft ma anche dal mondo Tablet e Smartphone che come abbiamo visto con gli Acer Predator 6 e 8 è molto più vicino al gaming di quanto ci piaccia pensare, se Nintendo Switch mi ha convinto? In teoria sì ma ci sarà da vedere come si comporterà realmente, e questo lo sapremo solo quando verrà rilasciata nel marzo 2017.

Io vi ricordo come sempre di lasciare un like se l’articolo vi è piaciuto, di commentare per farmi sapere che ne pensate e di condividerlo se volete tenere informati i vostri contatti su questo argomento ma soprattutto di seguirmi su Facebook e Twitter per tenervi aggiornati su tutte le novità e gli articoli di questo sito.

Il VR si è fermato: crescita 0 a luglio e agosto

Il 2016 è un anno estremamente importante per la VR ma a quanto pare le vendite non mostrano un entusiasmo alle stelle per quanto riguarda il mondo PC.

Questo almeno è il dato che arriva da un sondaggio di Steam prontamente riportato da VentureBeat.

Pare che i mesi di luglio e agosto abbiano segnato una crescita zero (o quasi) dal punto di vista dei nuovi utenti di HTC Vive e Oculus Rift. Per quanto riguarda il visore Valve si parla di una crescita dello 0,3% nel mese di luglio e di un andamento piatto ad agosto. Oculus Rift fa segnare anch’esso una crescita dello 0,3% a luglio e dello 0,1% ad agosto.

Attualmente solo lo 0,18 degli utenti Steam possiede un HTC Vive mentre lo 0,10% possiede un Oculus Rift. Il mercato sembra, quindi, trovarsi in uno stato, almeno momentaneo, di stallo dovuto al fatto che i giocatori davvero interessati hanno già acquistato gli headset mentre buona parte del pubblico potrebbe non voler spendere una cifra ancora molto importante per entrare nel mondo della realtà virtuale.

Io vi ricordo come sempre di lasciare un like se l’articolo vi è piaciuto, di commentare per farmi sapere che ne pensate e di condividerlo se volete tenere informati i vostri contatti su questo argomento ma soprattutto di seguirmi su Facebook e Twitter per tenervi aggiornati su tutte le novità e gli articoli di questo sito.

Apple punta alla realtà aumentata

Anche Apple punta sulla realtà aumentata, tanto che queste tecnologie sono una delle priorità «a lungo termine» della compagnia perché offrono notevoli «opportunità commerciali per i consumatori». A dirlo è stato Tim Cook, amministratore delegato della compagnia, nella conferenza con gli investitori in occasione della diffusione degli ultimi dati trimestrali.

Il numero uno di Cupertino ha commentato «l’incredibile» fenomeno di Pokémon Go (chiamandola «Pokemans»), l’applicazione per smartphone che sfrutta proprio la realtà aumentata per far acchiappare i mostri virtuali nei luoghi che ci circondano e che ha dato vita in pochi giorni a una mania globale con numeri da record sull’App Store. Questo, ha detto Tim Cook, è la dimostrazione di quel che «avviene quando si presentano app innovative».

Al momento comunque Apple non ha ancora annunciato alcun prodotto o servizio di realtà aumentata e nemmeno di realtà virtuale, a differenza di tante aziende concorrenti come Google, Microsoft, Samsung e la stessa Facebook. Negli ultimi tempi però la compagnia di Cupertino ha portato a termine diverse acquisizioni di società specializzate in queste tecnologie: Metaio, Faceshift e Flyby Media. E tra i brevetti della Mela morsicata sono spuntati display trasparenti in stile Minority Report e visori per la realtà virtuale da collegare all’iPhone. Inoltre, secondo indiscrezioni, ci sarebbe un team di centinaia di persone al lavoro per Apple su soluzioni di realtà virtuale e aumentata.

Io vi ricordo come sempre di lasciare un like se l’articolo vi è piaciuto, di commentare per farmi sapere che ne pensate e di condividerlo se volete tenere informati i vostri contatti su questo argomento ma soprattutto di seguirmi su Facebook e Twitter per tenervi aggiornati su tutte le novità e gli articoli di questo sito.

Ecco quello che c’è da sapere su Watch OS 3

Jeff Williams, direttore operativo di Apple, nel presentare il nuovo WatchOS 3, ha detto che con tale nuovo sistema operativo ci sarà ancora più funzionalità ed innovazione sui propri Apple Watch. Le applicazioni preferite saranno lanciate istantaneamente e l’accesso ad esse sarà ancora più semplice, inoltre sono state introdotte nuove e rivoluzionarie caratteristiche di idoneità e di salute come l’applicazione Breathe.

La pressione del pulsante laterale permetterà di accedere al nuovo Dock, dove potranno essere lanciate le applicazioni native e di terze parti immediatamente e avere le informazioni più recenti su di esse e sui loro contenuti aggiuntivi. Anche il  Centro di Controllo ha subito un restyling importante, vi troveremo i toggle per la modalità aereo, non disturbare, notifiche e altro ancora e sarà possibile scorrere a sinistra e a destra per passare da un quadrante all’altro. Novità anche per quanto attiene iMessage, con nuovi modi di risposta ai messaggi ricevuti, ed una nuova funzione Scribble che riconosce in modo dinamico le lettere disegnate sullo schermo di Apple Watch e traduce i disegni in messaggi di testo tradizionali, sono disponibili anche animazioni, inchiostro invisibile, adesivi, emoji più grandi, schizzi, toggle, e il battito cardiaco.

Non potevano di certo mancare tra le novità di WatchOS 3 anche nuovi quadranti, ci sarà la condivisione degli obbiettivi delle attività, in modo tale da sfidare o motivare i vostri amici e seguire i loro risultati e condividere i vostri. Presente inoltre di stock una nova applicazione denominata Breathe, che tiene traccia della frequenza cardiaca e la durata della sessione di respirazione, che potrà essere regolata mediante la corona di Apple Watch. Infine abbiamo funzionalità aggiuntive legata all’accessibilità di Apple Watch e la possibilità di chiamare i numeri di soccorso ed emergenza attraverso il pulsante laterale. WatchOS 3 sarà reso disponibile gratuitamente a tutti i possessori di Apple Watch nel corso del mese di settembre, quando arriverà la sua versione definitiva.

Io vi ricordo come sempre di lasciare un like se l’articolo vi è piaciuto, di commentare per farmi sapere che ne pensate e di condividerlo se volete tenere informati i vostri contatti su questo argomento ma soprattutto di seguirmi su Facebook e Twitter per tenervi aggiornati su tutte le novità e gli articoli di questo sito.

Google al lavoro su dei Nexus smartwatch

Non solo smartphone: Nexus, la linea di telefonini prodotti da Google in collaborazione con alcuni costruttori di dispositivi, potrebbe allargarsi agli smartwatch. Stando alle indiscrezioni raccolte dal sito Android Police, Google sarebbe infatti al lavoro su due orologi smart, ancora in fase di prototipo. I nomi in codice sarebbero “Angelfish” and “Swordfish”, pesce angelo e pesce spada, nel solco della tradizione che vede i dispositivi Nexus battezzati con nomi di pesci.

Stando ai rumors, entrambi gli orologi avranno un quadrante rotondo, saranno ovviamente basati sul sistema operativo Android Wear e offriranno l’integrazione con Google Assistant.

Angelfish sarà più grande e con vocazione sportiva, dotato di tre pulsanti, Gps, connettività Lte e rilevatore di battito cardiaco. Esteticamente ricorderà il Moto 360 di Motorola e lo Urbane 2nd edition Lte di Lg.

Swordfish assomiglierà invece al Pebble Time Round e avrà un unico pulsante simile a quello dell’Apple Watch. Più piccolo e sottile dell’Angelfish, sarà sprovvisto di Gps ed Lte, e si presenterà in tre colori: argento, titanio e oro rosa.

Io vi ricordo come sempre di lasciare un like se l’articolo vi è piaciuto, di commentare per farmi sapere che ne pensate e di condividerlo se volete tenere informati i vostri contatti su questo argomento ma soprattutto di seguirmi su Facebook e Twitter per tenervi aggiornati su tutte le novità e gli articoli di questo sito.

Sony Smartwatch 3 si aggiorna ad Android Wear 1.5

Attraverso un nuovo aggiornamento firmware, gli sviluppatori Sony stanno portando dei miglioramenti legati sia alla sicurezza e alla stabilità ad Android Wear nella versione 1.5 del Sony SmartWatch 3.

Nello specifico, viene implementata l’ultima patch di sicurezza disponibile per gli smartwatch Android Wear (Maggio 2016) e vengono sistemati alcuni bug fastidiosi relativi alla connettività GPS. Inoltre, gli ingegneri di Sony hanno trovato il modo di ottimizzare ancora di più lo smartwatch, migliorando la durata della batteria.

Il nuovo firmware che viene installato con l’aggiornamento che ha come numero di build MWD49B. Ricordiamo che dovete innanzitutto scaricare l’aggiornamento OTA sullo smartphone e poi, mediante Bluetooth, trasferirlo sul Sony SmartWatch 3 per l’installazione.

Prima di lasciarvi, voglio ricordarvi che probabilmente questo sarà l’ultimo aggiornamento per lo smartwatch di Sony, visto che sono già molti i modelli che non riceveranno l’aggiornamento ad Android Wear 2.0, fra cui il Samsung Gear Live e l’LG G Watch.

Io vi ricordo come sempre di lasciare un like se l’articolo vi è piaciuto, di commentare per farmi sapere che ne pensate e di condividerlo se volete tenere informati i vostri contatti su questo argomento ma soprattutto di seguirmi su Facebook e Twitter per tenervi aggiornati su tutte le novità e gli articoli di questo sito.